Uso delle parti comuni. La competenza del Giudice di Pace.

La suprema Corte di Cassazione con sentenza n. 2957 pubblicata in data 7 febbario 2018 ha tra l'altro dato continuità a quella giurisprudenza della medesima corte, per la quale rientrano nella competenza per materia del giudice di pace tutte le controversie nelle quali siano in discussione i limiti quantitativi e qualitativi dell'esercizio delle facoltà spettanti ai condomini, restando escluse solo quelle nelle quali si controverta circa l'esistenza (o l'inesistenza) del diritto stesso di usare le cose comuni per determinati fini. In tal senso, mentre ad es. è stata affermata la competenza del tribunale a conoscere della controversia

avente ad oggetto la sussistenza o meno d'un divieto di far un determinato uso di spazi comuni, asseritamente imposto dal regolamento di condominio (Cass. n. 7547 del 31/03/2011), è stata ritenuta rientrare nella competenza per materia del giudice di pace la lite sulle modalità d'uso dell'area condominiale, come quando si discuta se essa sia utilizzabile per una determinata finalità (Cass. n. 21910 del 27/10/2015 relativa alla collocazione di tavolini e sedie).

Pin It

Richiedi consulenza legale on line in pochi passi.

1. Compila il modulo di contatto e descrivi il tuo problema.

2. Attendi una risposta da parte dello studio.

3. Primo incontro conoscitivo a studio gratuito.


 

Obbligo di allegazione documentale dell'amministratore e diritti dei condomini. 

Con la sentenza n. 25693/2018 la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondoil quale l'amministratore, qualora convochi l'assemblea anche per l'approvazione di delibere attinenti a bilanci preventivi e/o consuntivi, non ha l'obbligo di allegare all'avviso di convocazione anche i documenti inerenti a detti bilanci da esaminarsi compiutamente in sede di celebrazione dell'assemblea; infatti, ad ogni condomino è consentito di esprimere il suo parere in seno all'assemblea stessa (non potendosi, poi, dolere della sua assenza volontaria, come verificatosi nel caso affrontato), fermo restando che ad ognuno dei condomini è riconosciuta la facoltà di richiedere allo stesso amministratore, anticipatamente e senza interferire sull'attività condominiale, le copie dei documenti oggetto di (eventuale) approvazione. Secondo gli ermellini discende quale corollario che, ove la menzionata facoltà non sia esercitata, il singolo condomino non può far derivare l'illegittimità della successiva delibera di approvazione in materia contabile per la sola mancata allegazione all'avviso di convocazione del rendiconto o del bilancio poi approvato e per la sola circostanza che egli non abbia inteso - per sua scelta - partecipare all'inerente assemblea, poiché, per effetto della successiva comunicazione della delibera approvata, egli ha il diritto di impugnarla per motivi che attengano alla modalità di approvazione o a profili contenutistici della stessa, ma non certamente per la sola omessa allegazione preventiva del documento (sul quale deliberare) all'avviso di convocazione dell'assemblea recapitato ritualmente al condomino.

                IMAG3065

                    L'attestato di libera

           circolazione dei beni culturali


 

                pisa 488970 180

              L'individuazione dei beni

                                culturali


     

                london 295006 180

               Tutela e valorizzazione

                        dei beni culturali


 

                sposi

        La negoziazione assistita nelle

               separazioni e nei divorzi


 

 

                cosmetics 259181 180

              Il Reg. (CE) n. 1223/2009


 

 

                grapes 439300 1280

            Indicazioni obbligatorie alimenti

                      Reg. (UE) 1169/2011


  

       

                      building 438003 1280

      Terrazza a livello e lastrico solare


 

                 clasped hands 541849 1280

          Danno endofamiliare e

                       azione di regresso


               

 

 

 

                   business 740077 1280

              Mandato verbale conferito

                               all'Avvocato

 


          

 

                   architecture 107592 1280

                   spese condominiali

             

Salva

Salva

Salva

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione e il funzionamento di alcuni servizi. Continuando la navigazione o utilizzando i servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi maggiori dettagli. dettagli.